Continuamente perdersi

Ho trascinato le gambe
quelle mie stesse gambe
che un tempo mi rendevano forte
vanto
orgoglio
le mie stesse gambe
con affanno fuori dall’uscio
al di là di quella soglia
limite perverso e invalicabile
di questa vita trascorsa

con ponderati passi
sulla strada ho fatto capolino
quella stessa via
che in mille e mille modi ho calpestato
e ancor prima di me
gente e gente
anni negli anni

quella stessa strada
che io, ora,
con le mie stesse gambe
con affanno calpesto
che non potranno potarmi lontano
se non da questa stessa vita
se non da questo stesso pensiero di

continuamente perdersi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...