Il pregiudizio

Stretti nella morsa del pregiudizio decidiamo su cosa è bene su cosa è male, su cosa è giusto per noi nell’interesse degli altri. Così occupati in questa ricerca, così affannosamente intenti, vigiliamo sul destino altrui nella costante ricerca del difetto, dal possibile pettegolezzo.

Non si esime lo scrittore da questo stesso vizio, da questa deformità, difformità del pensiero.

Nel pregiudizio è comodo affondare le mani, ci si sguazza, è la prima cosa che ci passa tra le mani. Nel pregiudizio possiamo facilmente e finalmente  sindacare, tenere lo scettro tra le mani.

Sino a che del pregiudizio altrui, nella sua stessa morsa, così comoda fino ad allora, rimarremo stretti, scomodamente schiacciati dal suo violento parlare di noi alla gente, nell’impossibilità di replica farà sorridere di noi indebitamente.

Il pregiudizio in fin dei conti è giusto: è uguale per tutti.

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...