Il catenaccio

A voi
amanti speculatori del gioco d’attacco
spericolati adulatori del vivere esagerato
finti bevitori di tutte le bollicine della canzone di Vasco

a voi con azzardo mi rivolgo
senza il timore del vostro abominevole giudizio
sprezzante delle critiche a cui andrò incontro

quando il respiro s’accorcia
e le possibiltá si fanno esigue
preferisco la difesa
un suicidio traballante a voi lascio
io, porto a casa l’orgoglio intatto
alle mie possibilità non mi arrendo
strenuamente in trincea
resisto, non traballo
e so di offendervi se vi dico
che mi tengo il catenaccio.

 
        
Annunci

3 Comments

  1. Difenderci fino allo spasmo e sorprendere quando tutto sembra perduto! Sarà forse retorico pensare che è intrinseco nell’immaginario collettivo italiano?Sarà retorico, ma non capisco quale sia la vergogna. Lo spettacolo abbiamo provato a darlo negli ultimi venti anni con risultati osceni. Orgoglioso di francone!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...