Non ricordo

E così mi feci grande,
eccessivamente adulto per girare con una scatola di colori

Fu una lenta ma inesorabile successione di responsabilità
che progressivamente occuparono
quei sempre più corti attimi di libertà

E fu così facilmente che passai da mescolare le tinte
a sovrapporre le cifre di conti e bollette

È il tempo che scorre
e c’è un tempo per ogni cosa
come dice la gente

Non ricordo precisamente il giorno
in cui smisi persino di sognare
ma fu senz’altro uno dei peggiori della mia vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...